The Afternoon Tea: un perfetto pomeriggio inglese!

 


"There are few hours in life more agreeable than the hour dedicated to the ceremony known as afternoon tea." Henry James


Qualcuno potrebbe pensare che invitare un amico o due per un potrebbe richiedere meno sforzo di un invito a cena ma in Gran Bretagna questo non è sempre così.

Ci sono una serie di regole ferree che circondano questo rituale, che molti considerano essere più sociale che culinario.

Veniamo a noi con un breve, speriamo, cenno sulle origini di quest’abitudine nazionale risalente al 1840 introdotta dalla Duchessa di Bedford. In visita al Castello di Belvoir era solita fare merenda - nella lunga attesa tra il pranzo di mezzogiorno e la cena di sera -  nella sua stanza con una teiera fumante di tè.  Pensate alle scene di Orgoglio e Pregiudizio piuttosto che a Emma e capirete che tra colazione della mattina e la cena della sera un piccolo intermezzo era necessario...anche se ora capisco come riuscivano ad entrare tutte in quei bei vestitini di mussola o seta in stile impero!!

The Afternoon Tea: un perfetto pomeriggio inglese!

La Duchessa soffriva la solitudine nella sua stanza e aveva per questo preso l'abitudine di invitare gli amici ad unirsi a lei nei pomeriggi nelle sue stanze a Woburn Abbey, abitudine che mantenne al suo rientro a Londra spedendo missive e offrendo un "tè pomeridiano e una passeggiata nei giardini”.

Ovviamente altre hostess sociali per non sentirsi da meno, copiarono l’idea della Duchessa al punto tale che divenne “rispettabile” e dai giardini si è passati ai salotti! In poco tempo tutta la società mondana si ritrovò a sorseggiare tè e mangiare panini nel bel mezzo del pomeriggio.

  


"The table was laid… there were the best things with a fat pink rose on the side of each cup; hearts of lettuce, thin bread and butter, and the crisp little cakes that had been baked in readiness that morning."


 

E' grazie alla Duchessa di Bradford, quindi, che il rituale del tè del pomeriggio dell’alta società e borghesia inglese è divenuto “popolare” ovvero per il popolo, perchè ebbene sì dipende dall’ora in cui si sorseggia se si fa parte parte della buona società o della working class (popolo). In ogni caso è comunque un motivo in più e un modo per passare un pomeriggio diverso quando si viene in Inghilterra.

Ma come tutte le tradizioni di origini altisonanti c’è un’etichetta da seguire e prima ancora di sedersi al tavolino per gustare il proprio tè bisogna essere sicuri di aver rispettato alcune regole.

Certo questo dipende anche da dove ci si trova, se siete a casa vostra potete godervelo in pigiama ma se per una volta desiderate concedervi un pomeriggio fra amiche in uno dei tanti luxury hotel di Londra che offrono questa esperienza, non necessariamente a prezzi esorbitanti, allora un'attenzione in più all’abbigliamento è d’obbligo.

The Afternoon Tea: un perfetto pomeriggio inglese!

                                                                                                                           Foto: Serena Danti

1 – Il dress code?

In quasi tutte le sale da tè a meno che non sia specificato “giacca e cravatta” prevede un normale stile casual elegante, un paio di jeans o pantaloni eleganti, con scarpe stringate piuttosto che mocassini, ma che non siano da ginnastica, è accettato ovunque, per le donne, bhè noi non dobbiamo far altro che sbizzarirci e vestirci di tutto punto senza sembrare troppo ostentate.

2 - Cream Tea or Afternoon Tea o High Tea o Royal Tea?

Questa differenza fra i vari tipi di tè riporta alla differenza di classe sociale.

Il Cream Tea non è altro che un tè servito con degli scones ripieni di marmellata e crema ovvero panna.

L’Afternoon Tea è un più sostanzioso perchè ad accompagnare il tè ci sarà un’alzatina di tre piani: la base ha dei piccoli sandwich di cetrioli, uova sode maionese e cress, coronation chicken, salmone e crema al formaggio, prosciutto e mostarda.

Nel ripiano al centro ci sono gi scones, clotted cream, una sorta di mascarpone morbido, marmellata di fragole o di lamponi.

Infine nella parte superiore ci sono i dolci veri e propri che possono essere fette di torta al limone, ultimamente qualche macaroons e piccola pasticceria.

L’High Tea, che molti pensano sia il famoso Afternoon, invece, è quello che veniva consumato dalla working class perchè non era altro che la cena servita con il tè.

Quindi fate attenzione se volete essere posh dovete anche conoscere la terminologia corretta.

Infine il Royal o Champagne Tea che è un afternoon tea accompagnato da un bicchiere di champagne, ottimo per le occasioni speciali, un addio al nubilato sofisticato, un compleanno o una ricorrenza alla quale si vuole dare un piccolo tocco in più!

3 - È accettabile “to dunk” inzuppare i biscotti nel mio tè?

Non c’è molto da dire su questo argomento se non un severo NO se vi trovate in una lussuosa sala da tè, certo a casa vostra potete inzuppare quanti più biscotti volete ma in pubblico giammai!

4 – Prima la crema o la marmellata?

Ebbene per quanto possa sembrare di secondaria importanza non lo è. Il tè viene servito con gli scones - delle focaccine con dentro l’uvetta calda - che si aprono a metà e qui l’amletico dubbio prima la panna o la marmellata? Allora sia la Cornovaglia che il Devonshire si litigano la patria potestà dello scones. I primi mettono la marmellata e poi un cucchiano di panna,  nel Devon invece la panna e poi la marmellata, io per non saper nè leggere nè scrivere metto su una metà la panna e sull’altra la marmellata e poi unisco, anche se è più facile spalmare prima la marmellata, almeno per me.

5 – Come mescolare il tè?

Allora mettetevi comodi, la preparazioone del tè segue il gusto personale e comunque quello degli invitati all'afternoon tea, è per questo che ognuno avrà la sua teiera e il suo tè. Bevuto con il limone (alla russa) o con aggiunta di latte (tipicamente english style) la tradizione vuole il cucchiano nella tazza in posizione ore 6 e piegare la tazza in modo che il tè sia inclinato verso le ore 12...(e lo so che state pensando cose che il bon ton non mi permette di scrivere) e mescolare facendo attenzione che il cucchiaino non tintinni sui bordi della tazza....che fatica! Mai lasciare il cucchiaino nella tazza ma, e lo facciamo tutti, metterlo di lato nel piattino/saucer.

6 – Quanto tempo devo lasciare in infusione il tè?

Anche per quel che riguarda l’infusione questa segue le preferenze personali, il gusto e soprattutto dipende dal tipo di tè, e ce ne sono tantissimi! Si può prolungare l’infusione (sembrebbe che più è lungo il tempo di infusione maggiore sarà il rilascio dei flavonoidi antiossidanti nella bevanda). Comunque in media il tempo va dai 3 ai 6 minuti, più grandi sono le foglie maggiore è il tempo d’infusione ma non più di 6 minuti altrimenti si danneggiano le foglie. Per esempio sia il famoso Earl Grey che il Lady Grey (i miei due preferiti) devono riposare per 5 minuti.

Quando si va in una sala da tè vengono portate sempre due teiere con acqua calda, una per mettere in infusione il tè e l’altra da aggiungere per far si che il tè non diventi troppo forte! Per quel che riguarda la teiera, se in ceramica andrebbe sempre scaldata prima di aggiungere le foglie di tè e l’acqua bollente, suona bizzarro ma è così! L’acqua deve sempre essere fresca ovvero del rubinetto mai ri-riscaldare dell’acqua già bollita, le proporzioni per il tè sfuso sono un cucchiano per persona più uno per la teira, per i sacchetti uno per persona.

7 – Tipi di tè da usare?

Come già detto la scelta del tè varia a seconda dei gusti, la tradizione vuole che quello in foglia è da preferire alle famose bustine che per comodità usiamo ormai tutti.

Gusti? La gamma di tè in offerta può variare dalla dozzina ad oltre un centinaio, tra cui alcuni molto rari. Alcuni dei tè più comuni in offerta sono:

Assam - un forte tè corposo dell’ India che ha un distintivo sapore di “malto”.

Darjeeling - un tè, sempre dall’India, aromatico e astringente con un pizzico di mandorle e fiori di campo.

Earl Grey - una miscela di tè nero profumato con olio di bergamotto che prende il nome da Charles, secondo Earl Grey, che era Primo Ministro 1830-1834.

Lady Grey - una varietà di tè Earl Grey, ottenuta miscelando tè nero, aromatizzato con olio di bergamotto, scorza di limone e d'arancia. Prende il nome da Mary Elizabeth Grey, moglie di Charles Grey.

Lapsang Souchong - un tè cinese nero che dopo essere stato fatto ossidare viene essiccato e affumicato con legno di pino o cedro che lascerà un forte retrogusto di affumicato.

8 – Pinkies Up?

Ovvero il dito mignolo. Ebbene sì il mignolo tenuto bene visibile, in passato lo si vedeva perchè la tazza da tè veniva tenuta nel palmo della mano e quindi per mantenre l’equilibrio il mignolo veniva tirato su per bilanciare. Oggi non solo è inutile ma anche poco di classe. Quindi un decisivo NO!

9 – Latte sì? Latte no?

La scelta del latte nel tè va di pari passo con l'intensità del sapore del tè.

Per un tè nero o uno molto aromatico e forte l’aggiunta del latte stempera il sapore robusto. Il tè verde, giallo, bianco, il Darjeeling o comunque gli infusi floreali andrebbero bevuti senza latte e zucchero per non alterarne il sapore. 

10 – Prima il tè o prima il latte?

Questo è e resterà il dubbio amletico di tutti gli intenditori di tè.

Questa spinosa questione ha diviso i bevitori di tè per un bel po 'di tempo. Mettere il latte per ultimo è considerata la cosa “giusta” negli ambienti raffinati ma la ragione di questo è spesso dimenticata.

Nel passato le tazze erano di scarsa qualità e si danneggiavano con facilità quando la bevanda calda veniva versata e aggiungere il latte prima serviva ad ovviare questo inconveniente. Quando i materiali divennero più resistenti questo passaggio non era più necessario e aggiugere il latte dopo il tè significava che il servizio era di ottima qualità.

Ecco quindi a voi una sorta di vademecum del tè, qui in Inghilterra di sale da tè e di posti più anticonformisti ce ne sono.

The Afternoon Tea: un perfetto pomeriggio inglese!

Foto: Serena Danti

 

E se volete provare un tè fuori dalle dai soliti locali, un’esperienza simpatica potrebbe essere quella dell’Afternoon Tea Bus Tour.

Un double decker d’epoca che si prende a Trafalgar Square e che vi porterà a fare un giro turistico nelle zone centrali e in più vi offrirà l’opportunità di gustare un buon tè!

The Afternoon Tea: un perfetto pomeriggio inglese!

 

(di Serena Danti)