29 Nov Moda

Lo scozzese che piace tanto

Chiariamoci subito: non stiamo parlando di Sean Connery, ma di un altro “prodotto” della fredda terra di Scozia, anch’esso bello da vedere (e da indossare).

Da emblema della cultura scozzese creata originariamente come base per il kilt (gonnellino) - l'insieme grafico di righe e quadri, infatti, cambia a seconda dell'appartenenze a un clan piuttosto che a un altro – il tartan è diventato, soprattutto dopo la seconda guerra mondiale, un tessuto “popolare”, versatile e adatto ad ogni look e situazione. Una tradizione di stile che arriva fino ai giorni nostri.

[ originali pacchi in tessuto tartan Ikea]

Fantasia per eccellenza dell’inverno 2013, è perfetta per il lavoro o per l’università, per una cena o per una festa, basta solo saper scegliere l’accessorio giusto, ad esempio un borsa borchiata o un paio di biker boots. Per gli outfit da sera è preferibile il tartan scuro, come quello nei toni del bordeaux o del blu, da abbinare a un make-up intenso. Se poi si è particolarmente bravi a “giocare” con le sovrapposizioni, il tartan aiuterà a mescolare alla perfezione gli stili più diversi: abiti bon ton, cappottini slim-fit, gonne XL e maxicardigan in lana grossa, pants o una sciarpa scozzese, preferibilmente “over”, renderanno particolari anche gli abbinamenti più semplici. 

**photo credits: wheretoget.it, lookbook.nu, flickr, girlpower.it, scotweb.co.uk, style.it, vogue.it, in-hyper.blogspot.it, firefrostdesign.co.uk, mydaily.co.uk

***in copertina: il Principe Carlo durante i "Mey Highland Games" a Caithness (Scozia) ©panorama.it