La primavera dei popoli

L’arrivo della primavera è da sempre considerato un passaggio fondamentale, un momento che intende celebrare la rinascita della natura e delle forze che ne stanno alla base. Per i popoli antichi la primavera coincideva anche con il momento della semina ed era quindi collegata ai riti e ai culti di fertilità a testimonianza di un legame molto forte tra uomo e natura, della consapevolezza che l’essere umano è parte integrante di essa ed è regolato dalle stesse leggi.

Gli uomini, quindi, fin dai tempi più remoti, hanno avvertito l’esigenza di sottolineare questo passaggio di stagione per mettere in risalto l’affermazione di un tempo in cui si può sperare nella sopravvivenza.

TrendAlert vuole festeggiare l’ingresso della primavera celebrando tre momenti di rinascita, tre "primavere" di importanza storica, culturale e sociale che, pur avendo riferimenti spazio-temporali diversi, sono riuscite a cambiare i destini delle nazioni. 

Nel 1848 l'europa centrale fu sconvolta da una serie di moti rivoluzionari - la "primavera dei popoli" - che ebbero il loro epicentro nella città di Parigi, per poi estendersi all'Austria, alla Germania e all'Italia. 

Horace Vernet - "Barricade in rue Soufflot", Parigi, 1848

Henri-Félix-Emmanuel Philippoteaux  - "Lamartine devant l'Hôtel de Ville de Paris, le 25 février 1848

Victor Adam e Jean-Baptiste Arnout - "La salle du trône aux Tuileries" (Litografia, 1848)

Edouard Ritter - "Barricades in Marzstrasse", Vienna, 1848

Baldassarre Verazzi - "Episodio delle Cinque giornate di Milano (Combattimento presso il Palazzo Litta)"

Francesco Hayez - "La Meditazione", 1851

Tra il 1967 e il 1968 si sviluppò un movimento politico e culturale che portò alla liberalizzazione della Cecoslovacchia dall'egemonia dell'Unione Sovietica dopo il secondo conflitto mondiale. Praga ebbe la sua primavera.

Photo ©Vldimir Lamme

Photo ©Josef  Koudelka

Photo ©Josef  Koudelka

Photo ©Josef  Koudelka

Photo ©Josef  Koudelka

Photo ©Josef  Koudelka

Photo ©Josef  Koudelka

Photo ©Ladislav Bielik

Tra il 2010 e il 2011 una serie di agitazioni e proteste in atto nelle regioni del Medio Oriente, Vicino Oriente e Nord Africa danno origine alla "primavera araba", la rivoluzione 2.0  che ha portato, non senza tragiche conseguenze, ad un cambio di organizzazione politica.

Photo ©Samuel Aranda

Photo ©Yuri  Kozyrev

Photo ©Yuri  Kozyrev

Photo ©Yuri  Kozyrev

Photo ©Yuri  Kozyrev

Photo ©Richard Engel

Photo ©Getty Images

Photo ©Getty Images

Photo ©Yuri  Kozyrev

***In copertina: Eugène Delacroix - "La Libertà che guida il popolo", 1830