Volo di linea

locandina_alitalia_vintage

Per oltre sessant'anni la compagnia di bandiera Alitalia ha portato in giro per il mondo lo stile italiano.
Il 5 maggio 1947 il pilota Virginio Reinero effettuò il volo inaugurale con un Fiat G.12 Alcione da Torino a Roma e, solo un paio di mesi più tardi, venne inaugurata la rotta Roma-Oslo che diede il via ai voli internazionali.
Solo nel 1948 iniziarono i primi voli intercontinentali e i collegamenti tra l'Italia ed il Sud America.

poster_vintage_alitalia_napoli_e_sudamerica

Ma fu solo con i DC-4 nel 1950 che salirono a bordo le prime hostess e con loro venne offerto il servizio di pasti caldi ai passeggeri.
Con indosso le divise disegnate dalle sorelle Fontana il welcome di gusto italiano iniziò il giro il mondo: giacca blu a tre bottoni con gonna lunga e da allora molti stilisti hanno disegnato le divise per il personale di bordo.

hostess_alitalia_divisa_sorelle_fontana
Il successo di Alitalia venne confermato negli anni '60 quando divenne vettore ufficiale delle Olimpiadi di Roma.
In quegli anni e fino al 1966 le divise dell'equipaggio furono confezionate su disegno di Delia Biagiotti, madre di Laura, che con un più leggero tailleur con gonna al ginocchio, giacca a tre quarti e un bel color carta da zucchero interpreta la moda di quei tempi.

divisa_alitalia_delia_biagiotti

Nel 1967 la giacca si accorcia, diventa a doppio petto con scollo rotondo e si torna al classico blu con la stilista Tita Rossi.
Sarà Mila Schön, nel 1969, a stravolgere e rivoluzionare la classica divisa di bordo disegnando gonne a tubo e decisamente più corte: prima verde smeraldo e poi rosso manciuria. 

 divisa_alitalia_mila_schon

Nel 1970 iniziarono i primi collegamenti con il Nord America ed il Giappone e nello stesso anno arrivò sugli aeromobili Alitalia il 'Servizio di bordo' progettato da Joe Colombo in collaborazione con Ambrogio Pozzi: caratterizzato da una funzionalità unica con dimensioni e forme precise valutate al fine di evitare il minimo movimento di stoviglie e posate durante il volo.

/servizio_di_bordo_joe_colombo_ambrogio_pozzi

Il set composto di piatti, ciotole, tazze, bicchieri, posate, complementi per sale e pepe è prodotto con ceramiche di Richard Ginori e posate in acciaio inox di Pinti per la prima classe, in plastica per la seconda classe.

servizio_di_bordo_joe_colombo_ambrogio_pozzi_posate

Negli anni successivi le uniformi passano dai tailleur albicocca di Alberto Fabiani e dalle divise rosso melograno di Florence Marzotto.
Giacca blu a tre bottoni e profilo verde e gonna regimental blu a righe verdi celebrano la fine degli anni '80 con Renato Balestra per passare alle divise dai tratti rigorosi di Giorgio Armani: blazer, camicia maschile, gonna diritta.

divisa_alitalia_florence_marzotto_armani_balestra
Fino a Mondrian che dal 1998 e fino ad oggi, veste di blu scuro e verde smeraldo, le assistenti dei nostri voli.


mondrian_divise_alitalia

Cinquant'anni di costume e stile, prima delle compagnie private, delle partnership intercompany, dei low cost e no frills. 

[immagini: Alitalia/Ambrogio Pozzi Design/Pinterest/ copertina: Paul Newman]