26 Ott Persone, Arte

Colori e passioni di una giovane artista: Rebecca Covaciu

Rebecca è una giovanissima pittrice di grande talento, con una passione sconfinata per l’arte. Vive a Milano e frequenta con profitto il liceo artistico Umberto Boccioni. A differenza dei suoi compagni di classe, Rebecca ha imparato a disegnare e dipingere nelle baracche e sotto i ponti.

Sì perché Rebecca Covaciu, 16 anni, è una ragazza rom. Ha dormito in un furgone, ha elemosinato con i genitori, ha visto la sua baracca distrutta più volte. È stata aggredita dalla polizia e ha sentito, sotto le coperte, le urla del padre accorso in sua difesa. 

Quando aveva sei anni, insieme alla sua è un famiglia è partita da un villaggio vicino Timisoara, in Romania, per arrivare prima in Italia e poi in Spagna, dove un parente aveva promesso un lavoro al padre Stelian, pastore evangelico. Fallita questa possibilità, la famiglia è rientrata nel nostro paese, a Milano dove ha ricevuto l’aiuto del Gruppo EveryOne, una giovane ONG che lotta per i diritti umani e aiuta tante famiglie di etnia rom. Adesso, grazie a questa organizzazione, Rebecca frequenta il liceo artistico ed è supportata anche dal Preside e dagli insegnanti.

Ma non solo: Rebecca dipinge quadri, li vende per strada e riesce così a mettersi da parte dei soldi per i suoi studi. I suoi disegni rappresentano e raccontano l’emarginazione, il pregiudizio, gli episodi di razzismo che lei e la sua famiglia hanno subito. Così Rebecca ha vinto il Premio UNICEF 2008 per il disegno e la pittura legato ai diritti dei bambini e il Premio della Fondazione Adolfo Pini di Milano nel 2011. I suoi quadri sono stati esposti al Museo d'Arte Contemporanea di Hilo, nello Stato delle Hawaii, come rappresentativi dell'arte dei Rom in Europa; a Napoli, nel corso della Giornata della Memoria 2008, presso le prestigiose sale dell'Archivio Storico, che li ha acquisiti in permanenza, e a maggio di quest’anno sull'Alzaia del Naviglio Grande, nell'ambito della manifestazione "Arte sul Naviglio”.

“Quando disegno, penso ai colori di un mondo migliore, dove anche noi possiamo essere felici. Da grande voglio aiutare i poveri e se diventerò un’artista famosa, voglio dipingere il mondo degli ‘zingari’, così tutti vedranno la verità”

"Per me le passioni partono come un fuoco dal cuore, ma poi si calmano e cercano di portare la pace fra tutti i popoli"

"I colori mi hanno insegnato più di ogni altra cosa a raccontare il mondo che incontravo"


Roberta Covaciu - Lacrima Rom

Roberta Covaciu - Amore

Roberta Covaciu - Trittico