01 Ott Arte

Le belle statuine di Marinetta

Se c'è un posto dove posso immaginare di incontrare Marinetta Di Ciaula è senz'altro un mercatino rionale, di quelli 'delle pulci', intenta a scovare, tra bancarelle colme di oggetti apparentemente inutili,  passamanerie, vecchie bottiglie e nastrini che diventeranno colorati scettri e preziosi diademi per le sue creazioni.

E' nell'arte del riuso che Marinetta trae ispirazione e le chiediamo di raccontarci come.

"La passione per il “fare” e per l’artigianato in generale, l’ho ereditata da mio padre che aveva allestito in casa un piccolo laboratorio di ceramica con relativo forno per la cottura. Spazio creativo e rifugio dalle inevitabili noie lavorative.

Sono stata in Rai molti anni con la qualifica di programmista/regista e produttore esecutivo e nei ritagli di tempo ho finito per affiancare proprio mio padre nella sua passione, osservandolo e cercando di imitarlo.

Ma la ceramica comportava spazi, essiccazioni, cotture (e…rotture!) ed allora  ho inventato qualcosa di alternativo che potesse  semplificare le fasi di lavorazione.

Le bottiglie potevano costituire un ottimo supporto alle mie statuine così come varie strutture anche in ferro. E nascono in modo del tutto casuale i corpi dei miei personaggi quasi tutti rivestiti di creta o cartapesta e ornati successivamente con merletti ritrovati in casa, oppure acquistati nei mercatini fuori Italia.”

"Il lavoro si definisce meglio unendo per esempio perline dipinte con colori acrilici che formano piccoli bijoux e completano l'outfit scelto degli abiti dipinti a mano. In più ho pensato che le semplici lampade da tavolo inserite nelle mie creazioni potevano diventare (quasi per magia) coppie di re e regine; dame e signori di altri tempi, figure femminili surreali, contadine pugliesi attualizzate, improvvisando la commistione con altri materiali nati e suggeriti, come al solito, da soluzioni impreviste."

"Questo mio entusiasmo negli anni si è trasformato in ricerca e impegno e si è arricchito di contributi preziosi grazie alle competenze professionali 'rubate' da veri artigiani con i quali ho costituito l’Associazione culturale TRE ARCHI, con sede a Roma dove vivo attualmente."

 

Potete contattare Marinetta al suo indirizzo email marinetta.diciaula@libero.it  per tutte le informazioni.